Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Menu Principale Il Paese, Palazzo Spinola e i Musei Cenni storici Dalle origini all'età feudale

Dalle origini all'età feudale

feudale1a.jpg Le origini di Rocchetta, da sempre inclusa nei limiti giurisdizionali della "Rocca de Pié", ossia di Roccaforte, risalgono intorno al Mille. L’insediamento medievale di Rocchetta sorgeva sulla sponda sinistra del Torrente Sisola, con un castello di modeste dimensioni, la ‘Rocchetta’ e,  a ridosso di esso, una ‘villa’ ossia un piccolo borgo, a 150 metri di distanza dalla chiesa di S. Antonio Abate, sita a nord del rio omonimo che fluendo dalle Rocche immette le sue acque nel Sisola.
In un atto del 1235 tra le proprietà già amministrate per conto dei vescovi-conti di Tortona passate sotto la giurisdizione del podestà della città c’è anche Rocchetta "consignatio villarum [...]  Rochetam", appartenente al distretto di Roccaforte con il "loco de rocheta, et castellancam, et suprascripto castro et portenancam..."  soggetti ad obblighi per il mantenimento.

Nel 1313 Opizzino Spinola, potente esponente della famiglia genovese degli Spinola di Luccoli, ottiene dall’Imperatore del Sacro Romano Impero Enrico II, conte del Lussemburgo, l’investitura del Castello di Cremonte, definito in un documento sforzesco del 1478 ‘la chiave della Val Borbera’. Questo atto, con cui Opizzino acquista diritto  su tutti i castelli posti sulla riva sinistra del Borbera, è uno dei principali contributi al riconoscimento ufficiale della potenza spinolina in buona parte della Val Borbera che avrà modo di esplicarsi nel corso del XV secolo, soprattutto nella strategia di difesa dai tentativi di ingerenza nei “Feudi Imperiali Liguri”(1) intrapresi dalla strabordante politica del Ducato di Milano.  Anche Roccaforte e Rocchetta nel corso del secolo entrano a far parte di quella fascia territoriale che occupa l'immediato Oltregiogo a nord di Genova in cui si trova il vasto e compatto gruppo di feudi imperiali liguri, controllati dalle maggiori casate genovesi, quali gli Spinola(2), i Fieschi, i Doria, i Pallavicini e i Botta Adorno. Genova infatti, pur essendo libera da imposizioni feudali, dipende direttamente dal Sacro Romano Impero e i territori infeudati disseminati lungo i suoi confini, sono in realtà piccoli stati sovrani, residui di quelle signorie feudali in gran parte di origine malaspiniana nati dalla disgregazione degli antichissimi marchesati Aleramici e Obertenghi.


Tra questi il feudo di Roccaforte e Rocchetta(3)  che viene citato in vari documenti tra i quali una carta del 1369 che, nello stabilire i confini contesi tra Cantalupo e la Rocca, dalla parte delle Rive, dice che “…l’acqua che piove nel Fossato di Avi, sia e debba essere della giurisdizione di Rocca e Rocchetta”; un atto del 1420 che cita il castello di Rocchetta, e un documento del 1478 che conferma, il feudo di Roccaforte e Rocchetta, essere costituito ‘de jure’ sotto il dominio degli Spinola, con tutti i castelli posti sulla destra del Sisola. L’”antico Oratorio di S. Antonio Abbate”, probabilmente raffigurato nel dipinto della fine del 1700 conservato nell’attuale parrocchiale, è citato in un documento del 1523, e i suoi resti erano ancora visibili ai primi dell’800.
Lasciti e atti testamentari di Napoleone II Spinola comprovano la volontà del feudatario di edificare a Rocchetta un ospedale. Nel 1607 Stefano Spinola, ottiene dall’Imperatore Rodolfo II, re di Boemia e arciduca d’Austria la licenza di imporre, a Rocchetta, i pedaggi sulle merci in transito e, dello stesso anno, esiste il disegno di un castello riferito a Rocchetta(4), con elenco dettagliato del materiale occorrente per interventi costruttivi.


Dopo la congiura dei Fieschi, nel 1547, gli Spinola dominano indisturbati in vaste delle valli Borbera, Sisola, Scrivia e Vobbia, spartendosi il territorio tra le famiglie della casata. Del suo ‘Stato’ spinolino Stefano, aumenta i confini grazie ad una sapiente politica di alleanze, matrimoni, acquisizioni ed eredità e ne migliora le condizioni concedendo nel 1609 uno Statuto che sostituisce tutte le norme e le consuetudini vigenti e alla cui osservanza sono tenute le popolazioni del feudo. Un corpo di leggi composto di tre parti, completo ed equilibrato al punto da essere presto adottato da tutti gli altri feudatari della valle.
La parte relativa alle cause civili  statuisce che tutto il territorio appartiene al feudatario e tutti i beni immobili posseduti dai particolari sono di natura enfiteutico-feudale, cioè soggetti ad un’annua contribuzione; un’altra parte legislativa riguarda le cause criminali, la terza elenca le disposizioni del feudatario, il quale ha poteri illimitati sul feudo, stabilisce cariche e obblighi di funzionari e milizie, e mette a disposizione dei sudditi in ogni villaggio un caporale, un medico, uno speziale, un barbiere e chirurgo, servizi gratuiti per i più poveri e, dal 1612, un maestro di scuola.


Napoleone IV Spinola(5), succeduto nel 1626 al padre Stefano, per diritto di primogenitura concessogli dall’imperatore Ferdinando III, ne prosegue l’opera, dominando con grandi capacità e lungimiranza i suoi feudi per oltre mezzo secolo, investendo risorse ed edificando opere pregevoli  e grandiose. Sposato dal 1635 a Geronima Brignole, figlia di Gio Batta, fratello del doge Gio Francesco Brignole-Sale, l’8 ottobre del 1644 ottiene dall’imperatore Leopoldo I l’erezione in Marchesato della sua signoria che comprende Roccaforte, Rocchetta, Vigo e Centrassi, oltre alla Contea di Ronco e le consignorie di Busalla, Montessoro e Borgo dei Fornari.

Sarà lui a rifondare intorno alla metà del secolo Rocchetta, nel sito attuale, alla confluenza del Sisola nel Borbera(6), rimpiazzando l'antico villaggio oggi scomparso sulla sponda opposta del torrente, dove esistevano poche case localizzate nei Pagliari, nelle zone limitrofe all’attuale piazza di Rocchetta e nelle due borgate dei ‘Coghi’ e dei ‘Marughi’.
 


 

  

 

Azioni sul documento